Gli ignoranti – Vino e libri: diario di una reciproca educazione

Gli ignoranti – Vino e libri: diario di una reciproca educazione

In molti si chiederanno: che cosa può nascere dall’incontro tra un fumettista e un viticultore? Banalmente si potrebbe rispondere: “un fuvino oppure un vinetto!”. In realtà il prodotto dell’incontro tra Étienne Davodeau (fumettista) e Richard Leroy (viticultore e produttore di vino) è un libro, più precisamente una graphic novel (un romanzo a fumetti).

In molti si chiederanno: che cosa può nascere dall’incontro tra un fumettista e un viticultore? Banalmente si potrebbe rispondere: “un fuvino oppure un vinetto!”. In realtà il prodotto dell’incontro tra Étienne Davodeau (fumettista) e Richard Leroy (viticultore e produttore di vino) è un libro, più precisamente una graphic novel (un romanzo a fumetti) pubblicata in Italia da Porthos edizioni con il titolo “GLI IGNORANTI – Vino e libri: diario di una reciproca educazione”.

Si tratta di un racconto illustrato di Étienne Davodeau che ha voluto seguire il suo amico Richard Leroy, incuriosito dalle sue scelte radicali, per capire cosa lo aveva spinto ad abbandonare Parigi e la sicurezza di un impiego fisso e ben retribuito per andare a fare il viticultore ed il produttore di vini in Anjou, lungo la valle della Loira.

Dal preambolo si comprende subito quale sia il rapporto tra i due protagonisti della storia, Étienne e Richard appunto: il primo vuole scrivere un libro sul vino, il secondo dice che per farlo è necessario sapere cosa c’è dietro una bottiglia di vino; solo così si può ottenere un buon risultato e un libro con contenuti di qualità. Richard si meraviglia della disponibilità dell’amico a lavorare gratuitamente in vigna ed in cantina per poter conoscere ogni particolare ed accetta di indottrinarlo facendogli vivere direttamente tutte le fasi della lavorazione. In cambio, però, deve concedere di lasciarsi educare alla lettura e partecipare alla costruzione di quello che sarà il prodotto editoriale.

Il racconto inizia con la potatura, passa attraverso la descrizione della terra e del terroir, le visite ai bottai di fiducia, la zappatura e l’aratura, le pratiche biodinamiche, la vendemmia e le immancabili degustazioni guidate da Richard. Parallelamente ci sono le visite alle tipografie, le stampe dei primi campioni, le segnature, le visite ai saloni di libri a fumetti e, ovviamente, le letture proposte da un esperto del genere come Étienne. È un percorso educativo reciproco che introduce entrambi ad una maggiore consapevolezza delle difficoltà che ognuno incontra nel proprio lavoro e alla grande soddisfazione di vedere e “gustare” (anche intellettualmente) il prodotto finito.

La contrapposizione caratteriale dei due protagonisti crea interessanti e simpatiche situazioni, il rustico e scontroso Richard, diretto e senza peli sulla lingua, e il diplomatico Étienne, paziente e pacato. Ne vengono fuori episodi divertenti dove ognuno è a suo agio nel proprio mondo, mentre è irrimediabilmente goffo e impacciato in quello che l’amico gli propone di visitare. Tuttavia capita spesso di imbattersi in alcune perle e scoprire frasi illuminate che esplicitano il pensiero di Richard che dice: “non voglio nessun rapporto qualità-prezzo, voglio al qualità. Punto!”.

È così che si svolge la storia: tra vigne, cantine, tipografie e saloni del libro. Qualcuno si chiederà dove sono andato a trovare un prodotto così inusuale. La curiosità che mi spinge a continue ricerche mi ha permesso questo incontro e non vi dico che sorpresa quando navigando su internet ho scoperto questo volume che coniugava due mie grandi passioni, quella giovanile dei fumetti e quella attuale ed imperitura per il buon vino!

Bel libro, ben curato, con illustrazioni ben fatte e testi appropriati alla dimensione del fumetto, senza sacrificare i preziosi contenuti che un “vignaiolo radicale e rigoroso” come Richard Leroy intende condividere con tutti i lettori. In chiusura all’edizione italiana si trova un’appendice pensata dai curatori per facilitare il compito del lettore, introducendolo alla viticultura e alla biodinamica, nonché al mondo editoriale dei fumetti e alla nascita di questo simpatico progetto editoriale.

Buona lettura!

Hanno letto questo post [ 13 ]